Titolo Sistemi

Il materiale edilizio è impiegato essenzialmente negli interventi strutturali e di restauro residenziale, mentre in quelli conservativi viene utilizzato quasi esclusivamente materiale originario, quali coppi vecchi e pietre, travi e tavole in legno dell’epoca, con la sola sostituzione di elementi totalmente inutilizzabili.
Le opere di restauro realizzate dall’Azienda richiedono complessi e mirati interventi finalizzati al recupero più completo possibile della struttura del patrimonio edilizio preesistente, nell’ottica di riportare alle caratteristiche originarie che segnano ed individuano un’epoca od un periodo storico.
Attenzione particolare è dedicata anche al settore ritrovamento, recupero e restauro delle superfici decorate e dei beni mobili di interesse storico artistico.
In particolare si presentano, nel restauro di castelli e/o edifici monumentali, posti sotto la tutela dei Beni Culturali, le seguenti fattispecie:


Recupero della pietra:  restauro statico e conservativo dei materiali lapidei in stato di alterazione e di cedimento, dovuto ad agenti atmosferici responsabili di rilevanti trasformazioni che variano a seconda delle caratteristiche del materiale. L’intervento consiste in una  preventiva analisi chimica del materiale lapideo, nella pulitura delle superfici con rimozione dei depositi incoerenti estranei alla pietra, nel fissaggio con resine specifiche di frammenti di pietra, nel lavaggio ed eventuale trattamento con prodotti impregnanti (smontaggio, restauro e montaggio di cornici, bifore, logge, stemmi, monumenti funebri, ecc.).


Recupero del legno: negli edifici monumentali e nelle chiese si ritrovano diverse strutture in legno complementari e/o primarie a seconda dell’epoca e della destinazione del bene. Negli edifici di antica origine si  trovano pavimentazioni e rivestimenti in legno di raro pregio e di interessante fattura, quali capriate, camminamenti, palizzate, portali, porte, grosse orditure, mensole di sostegno e coperture esclusivamente in legno. L’intervento richiesto nel restauro conservativo consiste nel riportare il legno alle originarie caratteristiche mediante levigatura, uso di impregnanti, consolidamento e lucidatura.


Recupero della carpenteria metallica:  l’intervento è soprattutto collegato a infissi e porte in legno, o a elementi e  dettagli in ferro che richiedono manutenzione e ritempraggio mediante saldatura, forgiatura, pulitura ed   impregnatura. Le operazioni sopradescritte possono essere eseguite parzialmente in cantiere, tuttavia migliori risultati si   ottengono se i trattamenti sono effettuati in sede fissa, dove il lavoro viene eseguito in modo più  razionale e porta a risultati  più soddisfacenti  
                                                                                      
Superfici decorate: trattazione di metodologie,  materiali  e tecniche di restauro. Interventi su affreschi, dipinti murali, stucchi, graffiti, dorature, tele, tavole e superfici mobili attraverso lo sviluppo dell’iter conservativo completo, dalle fasi di conoscenza dei meccanismi di degrado alla caratterizzazione dei materiali in collaborazione con laboratori tecnici sperimentali di diagnostica e ricerca.

recupero dipinti restauro edifici